L’analisi dei primi bilanci 2019

Non è vero che per analizzare i bilanci del 2019 bisogna attendere fino a Giugno 2020! Almeno non per tutti. Infatti già oggi sono disponibili alcune migliaia di bilanci 2019 che potrebbero rivelarsi molto utili per cogliere in anticipo, rispetto al mercato, alcuni trend delle imprese italiane. Capire se sono cresciute, hanno guadagnato, sono più indebitate e molte altre informazioni interessanti.
Si tratta di circa 5000 società che chiudono il bilancio a giugno, settembre, novembre o altri mesi ancora e che quindi riportano i risultati di gestioni non del tutto coincidenti con l’anno solare 2019 ma potenzialmente molto significative per professionisti, banche e imprese. A queste si sommano alcune società che, pur avendo chiuso l’esercizio di bilancio al 31/12/2019, dopo soli due mesi hanno già depositato il bilancio.
Un aggregato con numeri di assoluta rilevanza che spesso passa “sotto traccia” alla la maggior parte degli analisti che guardano i bilanci a partire da giugno. I suoi numeri sono invece di assoluta rilevanza, anche su scala nazionale: 135 miliardi di Ricavi, 6 di EBITDA, 3 di Utile Netto, 72 di Debiti e 43 di Patrimonio Netto.

Nel corso del Webinar rispondiamo, anche ricorrendo a casi reali, alle seguenti domande:

Perchè per alcune imprese la durata dell’esercizio non coincide con l’anno solare? Quali sono i vantaggi e le implicazioni? Esistono dei settori o tipologie di business che adottano quest scelta con maggiore frequenza? Perchè?
Come si distribuiscono le imprese con esercizio infra-annuale in base al mese di chiusura?
Come si distribuiscono le imprese con il bilancio 2019 già disponibile per: settore, regione, crescita di volumi e marginalità, indebitamento bancario ed altri parametri?
Perchè e come questi bilanci si rivelano interessanti per banche, imprese e professionisti? Che tipo di analisi è utile fare?

Ospite:
Roberto BrioschiDottore Commercialista Partner di CGP Studio Legale e Tributario